COPYRIGHT - CIVICO MUSEO BIBLIOGRAFICO MUSICAE DI BOLOGNA

(Bologna, 1685 - Bologna 1748) 

NEWS

Paola Nicoli Aldini

LIVE SU STRUMENTO CEMBALO 

in Lessons photos courtesy Califfo

 

 
 

 

Nacque a Bologna il 1° Agosto 1685. Fu allievo di Antonio Predieri e di Giovanni Bononcini a Bologna, e dimostrò buone doti verso la musica: infatti già a 13 anni diventò organista di San Giacomo in Monte, come successivamente di San Giacomo Maggiore nell’arco di tempo compreso fra il 1701 e il 1706.
Nel 1702 fu accolto fra gli Accademici filarmonici e fu “principe” nel 1713, 1714, 1739 e 1745.
Si fece conoscere come compositore e come clavicembalista, compiendo molti viaggi toccando città importanti musicalmente parlando quali Vienna, Monaco. Ebbe modo di esibirsi sia in Francia che in Inghilterra.
A Londra in particolar modo fu un improvvisatore, cosa in cui eccelse Handel in quello stesso periodo, e fece parte dell’orchestra di quest’ultimo.
Nel 1722 ricevette l’incarico da Handel di recarsi a Venezia per scritturare la primadonna
Francesca Cuzzoni. Tra i due scoccò l’amore e ben presto durante il viaggio verso Londra la sposò nel 1723. Si interessò alla carriera della moglie, seguendone per qualche tempo le sorti, finendo naturalmente coinvolto nelle contese fra la Cuzzoni e la Bordoni.
Nel 1728 gli sposi si recarono assieme a Vienna, poi a Venezia e nel 1734/1737 erano ancora a Londra.
Dopo la separazione dalla moglie, del periodo in cui correva la voce secondo la quale la Cuzzoni avrebbe tentato di avvelenare il marito, nel 1740 Sandoni si produsse come organista, cembalista e compositore ad Amsterdam.
L’ultima notizia che si ha sul suo conto è una lettera del 1748.
Morì a Bologna il 16 Agosto 1748.

 


 

ARTASERSE (libretto A. Zeno e P. Pariati; Verona, 1709);
L'OLIMPIADE (Metastasio; Genova, 1733);
ADRIANO IN SIRIA (Genova, 1734);
ISSIPILE (Londra, 1735).

LA PULCELLA D'ORLÉANS (G. B. Taroni; Bologna, 1701);
GLI ORACOLI DELLA GRAZIA (T. Stanzani; Bologna, 1704);
IL MARTIRIO DI SANTA BENEDETTA (E. Magagnolì; ivi, 1704);
LA GIUSTIZIA PLACATA (T. Stanzani; ivi, 1705);
L'ITALIA DIFESA DA MARIA (E. Vajani; ivi, 1705);
IL TRIONFO DI JAELE (Id. ivi 1705);
IL TRIONFO DELLA GRAZIA (Id.; Ferrara, 1706);
LO SPOSALIZIO DI S. GIOSEFFO CON MARIA VERGINE (E. Marmocchi; Bologna, 1706);
SANTA CATERINA V. E M. (Bologna, ?).

Inoltre, musicò in collaborazione con altri 23 compositori l’oratorio

SARA IN EGITTO (libretto D. Canavese; Firenze, 1708).

Inoltre (pubblicate)

6 Cantate da camera (con in appendice 3 Sonate per il cembalo: Londra, fra il 1726 e il 1728).
Manoscritti di sonate per organo e per clavicembalo
L'opera per tastiera di Sandoni furono pubblicare a Londra tra il 1726 e il 1728 e sono raccolte nella parte finale delle Cantate da Camera,esse sono le prime sonate per clavicembalo di un compositore italiano pubblicate a Londra.

Le sonate sono in 2  o 3 tempi ,con una semplice e lineare struttura musicale, che si articolano in movimenti di danza.

La prima e la terza sonata facenti parte del corpus delle 3 sonate pubblicate a Londra (1727) appartengono stilisticamente ai canoni e ai modelli della suite del tardo barocco.

La seconda sonata si articola in 2 movimenti:un allegro introduttivo con arpeggi e basso albertini, figure già che preannunciano lo stile della sonata "preclassica", il secondo movimento è un "Minuetto con variazioni"consistente  in nove variazioni .Quest'ultima sonata è forse la prima forma di sonata che nella sua fattispecie, si conclude con una serie di variazioni.

Opere Didattiche pubblicate

6 Set of lessons for the harpsicord (Londra 1745)

Esecuzione Privata concessa dal Principe del Cembalo

in esclusiva ad handelforever.com

a cui vanno tutti i possibili ringraziamenti

 

A cura di

Arsace da Versailles, Rodelinda da Versailles, Faustina da Versailles

Il Principe del Cembalo

Ultimo aggiornamento: 30-06-13

Torna alla Home

Torna a Versailles